Vai alla barra degli strumenti

Sindrome da musical: ci ha contagiati tutti!

Condividi sui tuoi social preferiti:

Emozioni, talento, passione. Queste le tre parole per descrivere la serata di ieri 25 maggio; un 25 maggio particolare per tutti, di malinconia per alcuni e di rabbia per altri.

È stato trasmesso in streaming su Mymovies Live “Sindrome da musical” registrato al Teatro Repower di Milano nel 2013, scritto da Lena Biolcati con la regia di Alfonso Lambo e la Direzione Artistica di Stefano D’Orazio.

Una serata assolutamente contagiosa! Ricca di te, Manuel, e di momenti che uno dopo l’altro ci hanno portato per qualche ora nel tuo mondo, tra pianti, risate e applausi.

La serata ha il via alle 20 con la splendida introduzione e quelle voci spezzate, quei racconti di Saverio Marconi e quelle parole forti che ci hanno fatto riflettere. Saverio parlava di quel famoso provino per A Chorus Line, un semplice provino che forse tanto semplice non è stato…certamente non per lui.

“Manuel aveva un talento straordinario, lì all’audizione per A Chorus Line non è che ti saltava agli occhi, lui ti saltava proprio addosso!”

Infinite poi le risate grazie al duo paziente-psicologa di Manuel con Silvia Di Stefano. Un duo già rodato negli anni, che insieme ha creato quell’intesa e quell’energia che poi è diventato il motore di “Sindrome da musical”. Indimenticabile la citazione “si sieda e si rilassi!”.

Non potevano poi mancare le lacrime, per noi ma anche sul palco. Angelo Di Figlia e Manuel con il duetto “Un vero amico” da Pinocchio, quella sera regalarono uno dei momenti più emozionanti e veri e ieri sera, quelle emozioni sono ritornate anche attraverso gli schermi. Si, diciamo che quella volta qualche lacrima è sfuggita anche a loro.

Manuel: “Eh questa è tosta eh!”

Ma è davvero così sbagliato sognare? Aggrapparsi ad un desiderio e farsi trascinare in quella parte di vita in cui inciampiamo raramente, forse perché…perché non pensiamo che esista davvero, e invece, magari, è dentro ad ognuno di noi!

Loading spinner

Scrivi una risposta