Vai alla barra degli strumenti

Judy Craymer e i suoi progetti futuri per “Mamma Mia!”

Judy Craymer e i suoi progetti futuri per “Mamma Mia!”
Condividi sui tuoi social preferiti:

Produttrice e creatrice dei due mega-successi con la colonna sonora degli ABBA, Judy Craymer, ha rilasciato una intervista per Daily Mail mostrandoci il mondo di “Mamma Mia!” come forse non lo abbiamo mai visto, il tutto inserendo di tanto in tanto qualche succulenta anticipazione di idee e progetti futuri.

Prima fra tutte c’è l’idea di omaggiare tutti coloro che durante il lockdown sono stati in prima linea e hanno permesso che le cose migliorassero. La produttrice infatti ha in progetto di invitare al re-opening dello show tutti i medici, gli infermieri e gli staff degli ospedali di Londra; tutto questo quando il West End finalmente riaprirà i battenti.

“Mamma Mia!” ha aperto a New York il 18 ottobre 2001, poche settimane dopo la strage delle Torri Gemelle e per questo da subito si è rivelata una produzione “ristoratrice” e di conforto per il pubblico di tutti gli anni a venire. L’idea della produttrice Judy Craymer è proprio quella continuare su questa scia: “il pubblico visto come una comunità che vive e condivide una emozione in un momento di necessità.”

Da qui la seconda grande notizia. Durante questa nuova crisi, la Craymer, dalla sua casa immersa nelle campagne inglesi, ha iniziato a pensare e lavorare un possibile terzo capitolo, già fortemente voluto ed incoraggiato dalla Universal, dando così origine ad una vera e propria trilogia. La colonna sonora avrà ovviamente la firma degli ABBA e conterrà, così ha pensato la produttrice e creatrice, quattro nuove canzoni.

Conclude poi lanciando un appello al governo del Regno Unito, esortandolo ad agire come un “angelo del teatro” e supportare l’intera industria e tutti i progetti che meritano un giorno di vedere la luce.

Loading spinner
Davide Contu

Davide Contu

Davide Contu, performer e studente di musical. #Dancer #Performer #Singer #Actor “C’è una sola cosa che rende impossibile un sogno: la paura di fallire”

Lascia un commento